venerdì 27 maggio 2016

Gattili Edizioni: un dono piovuto dal cielo

Qualche giorno fa trovo nelle "richieste di messaggi" di Facebook, dove di solito si radunano le peggio trovate pubblicitarie e/o i peggio maniaci, un messaggio tutt'altro che molesto.

E' un certo Tonio Gattili Cagnetti, che subito dichiara la sua vera identità: si chiama Antonio Pellegrino, e mi fa una proposta che non si può rifiutare.
Da anni, mi dice, si diverte a creare dei librini artistici in una tiratura di sole 18 copie, e vuole me. Me! Mi ha letta su Atelier (qui il post), gli sono piaciuta e mi vuole nella sua bella collezione. Parliamo tutta la sera, tiro fuori delle idee, gli rompo l'anima. Lui è gentile, tanto gentile, al punto che sospetto ci siano di mezzo i soldi. No! Lui è solo gentile, innamorato della poesia, e vuole solo farmi un regalo. In pratica, un miracolo.
Gattili Edizioni non è una casa editrice a tutti gli effetti, ma un hobby che conta circa una dozzina di collane e più di 200 titoli. Il mio librino è il numero 122 della "collana originale", intitolato "A Dante", ma questo ve lo racconto dopo.


Come sono fatti questi librini di Antonio? Contengono una poesia, o una prosa e due fotografie, una in copertina ed una dopo il testo, a salutare il lettore. Lui ne fa 18 copie numerate, con l'aiuto della madre che li cuce insieme.
Quando ho sentito questa storia sono rimasta senza parole. Un po' mi sono sentita come una che vince alla lotteria senza sapere di avere comprato il biglietto, e un po' - solita sentimentale - mi sono emozionata. Sì. Perché trovare chi decida di investire tempo e soldi per fare un dono ad un autore non è cosa di ogni giorno, e non smetterò mai di ringraziarlo per avermi scelta quale destinatario di questo regalo inaspettato.

E come si presenta un librino artistico di Antonio, quando bussa alla porta del suo autore?

Così, ognuno protetto in una busta di plastica trasparente, ognuno come un prezioso pezzo unico che non può e non deve rovinarsi prima che il destinatario lo abbia visto. 

Perché "A Dante"? Dante è mio nonno, livornese, purtroppo non più in vita. Ho avuto varie idee per questo librino, ma alla fine ha vinto questa. Ho deciso che il dono fatto a me lo diventasse anche per altri, e ho regalato alcune delle preziose copie in famiglia. 
Perché se un dono così bello piove dal cielo, non può non essere condiviso. 

Grazie ancora, Antonio!

Federica

Nessun commento:

Posta un commento