giovedì 28 aprile 2016

La traccia delle vene di Clery Celeste - Recensione di Federica Volpe per ParcoPoesia

Non c’è nessuna colpa nella malattia
lasciate perdere le statistiche
nessuna sigaretta o bicchiere di birra
da rimproverare,
io li vedo quelli sani
che arrivano con larghi sorrisi
e alla prima scansione di TAC
palle da golf nella pancia
la libertà dei gesti
e da professionale sanitaria
sono gentile, tolgo l’ago
e “arrivederci signore”
ma saperli di un mese.




Clicca QUI per leggere la mia recensione scritta per il sito di ParcoPoesia

Nessun commento:

Posta un commento