domenica 19 luglio 2015

Sguardo vitale - di Giulia Bravi

Nasciamo come bulbi sotterrati
che fioriscono dagli occhi,
impariamo che sono gli altri
a partorirci con lo sguardo.
Se tu mi guardi ti lascio
le mie radici da vestire,
tutte le eredità degli anni,
le ciglia, finestre sulle palpebre.
Così ti compio anch’io, perché tu sia
sangue, terra e acqua
sostanza visibile.
Lasciamo che si uniscano
le nascite con gli sguardi,
darci la vita come un respiro.




Giulia Bravi nasce a Rimini il 1° Ottobre 1996.
Vive a Verucchio e ha frequentato il Liceo Classico “Giulio Cesare” di Rimini, diplomandosi nel 2015.
Dalla prima adolescenza è appassionata di scrittura creativa.
Nel Febbraio 2012 partecipa all’XI° edizione dei Colloqui Fiorentini, convegno letterario e concorso nazionale, con tema Ugo Foscolo: si aggiudica il secondo posto con la tesina “Strappare al nulla eterno la vita”.
Negli ultimi mesi dell’anno 2013 partecipa alla VII edizione del concorso letterario nazionale indetto da A.M.M.I. (Associazione Mogli Medici Italiani) sul tema: “La cultura dell’essere e dell’apparire nei giovani di oggi” e si classifica seconda con un elaborato dal titolo “Siamo maschere, personaggi, persone”.
Partecipa al laboratorio di poesia di Isabella Leardini e al festival da lei organizzato, Parco Poesia, leggendo i propri testi.
Nell’anno 2014 vince la menzione speciale “Corrado Bellavista” nella XVIII° edizione del Premio di Poesia Nazionale “Edgardo Cantone” indetto dall’associazione Lions per “il testo poetico in assoluto distintosi per sensibilità e versificazione stilistica”.
Nello stesso anno si aggiudica il secondo posto - sezione Poesia giovani - nella XIII° edizione del Premio Nazionale di Poesia “Agostino Venanzio Reali”.

Nell’anno 2015 è tra i finalisti della XIX° edizione del Premio di Poesia Nazionale “Edgardo Cantone”. Nello stesso anno è finalista - sezione inediti – nel Premio di Poesia Nazionale “Elena Violani Landi” indetto dall’Università di Bologna. 

Nessun commento:

Posta un commento